martedì 20 febbraio 2018

FONDAZIONE ADOLFO PINI MERCOLEDI’ 21 E 28 FEBBRAIO DUE INCONTRI LEGATI ALLA MOSTRA: “NASAN TUR MEMORY AS RESISTANCE”

Mercoledì 21 febbraio, ore 18.30
Bruno Milone e Miro Silvera: “Dire la verità” (in italiano)

Mercoledì 28 febbraio, ore 18.30
Mary Ann DeVlieg: “The Art of Resistance” (in inglese)


Fondazione Adolfo Pini – Corso Garibaldi 2, Milano
Appuntamenti gratuiti, fino ad esaurimento posti
  
Il 21 e il 28 febbraio 2018 alle ore 18.30 la Fondazione Adolfo Pini organizza due incontri in occasione della mostra Memory as Resistance, il progetto inedito realizzato dall’artista Nasan Tur, a cura di Gabi Scardi visitabile nella sede di Corso Garibaldi, 2 fino al 9 marzo 2018. Gli incontri saranno introdotti dalla curatrice.

Il primo appuntamento “Dire la verità” (mercoledì 21 febbraio, ore 18.30) vede protagonisti Bruno Milone, docente di sociologia delle migrazioni e di storia e filosofia, e Miro Silvera, traduttore e autore vincitore di diversi premi letterali. L’incontro affronterà la tematica della libertà di stampa e d'opinione e del ruolo dell’individuo nella società. Il problema della libertà dell'informazione infatti, non si pone solo dove essa è espressamente negata. Anche nei paesi dove questa è ufficialmente garantita si assiste sempre di più ad una restrizione degli spazi in cui reperire informazioni che possano essere verificate e accurate. In questi paesi inoltre, campagne di disinformazione ben orchestrate, possono manipolare l'opinione pubblica e alterare la percezione dei fenomeni sociali e della politica. C’è quindi oggi una divaricazione tra i mezzi a disposizione, che permetterebbero di accedere a una enorme quantità di informazioni e l’attendibilità delle notizie in circolazione. Inoltre, è accresciuta l’incomunicabilità tra settori della popolazione che sembrano dividersi in schieramenti contrapposti, ideologicamente orientati, dove non c’è spazio per le idee degli avversari, per quanto adeguatamente giustificate. Si sta quindi sempre più affermando una competizione politica in cui vale molto di più costruire una narrazione forte, anche se semplicistica e totalmente errata, invece di cercare di offrire un contributo alla comprensione del mondo e all’affermazione di una società più giusta. Inoltre, durante il dibattito si farà riferimento a fenomeni contemporanei, quali quello delle migrazioni.

The Art of Resistance” sarà il secondo appuntamento in lingua inglese (mercoledì 28 febbraio, ore 18.30). Mary Ann DeVlieg, esperta a livello internazionale di progetti culturali, analizzerà la situazione del crescente numero di artisti che vivono in situazione di mobilità forzata per via di regimi in cui la libertà di espressione è limitata. Oggi, infatti, numerosi artisti sono oggetto di repressione sociale e sono obbligati a cercare rifugio in paesi diversi dal loro per aver voluto, con la loro pratica artistica, raccontare la verità sul potere. Perché vengono attaccati o minacciati? Cosa succede loro? Chi li sta reprimendo e come? Queste e molte altre le domande a cui Mary Ann DeVlieg cercherà di dare riposta.
Fondazione Adolfo Pini
Corso Garibaldi 2, Milano
Orari: da lunedì a venerdì ore 10.00 – 13.00 | 15.00 – 17.00
Ingresso gratuito
Tel. 02 874502
www.fondazionepini.it
Facebook: Fondazione Adolfo Pini

FILZ Spiedini&Cocktails




Apre domani, 21 febbraio, durante la Fashion Week il locale “a tutto spiedino” di Milano. L’intera offerta gastronomica è “spiedinata” e infilzata, con proposte di carne, pesce e vegetariane. Una proposta food per tutti i gusti, a metà strada fra il fast quality food e la bottega all'italiana, irriverente, divertente, che non si prende mai troppo sul serio.

L’idea nasce da tre soci, una famiglia di viaggiatori, con un forte bagaglio di esperienze lavorative oltreoceano, anche nel settore della ristorazione. Dopo anni trascorsi tra Asia e Africa, decidono di tornare alle origini: inevitabilmente cambiati dall incontro con culture culinarie diverse dalle nostre, pensano di dar forma a qualcosa di nuovo che possa esprimere nell’offerta gastronomica
la forza delle proprie radici, arricchita di toni e colori assorbiti altrove. Nasce così una formula di cibo “di strada” tipico dei paesi asiatici, comfort come la cucina di casa, e di qualità nella ricerca della materia prima: Made in Italy con sfumature internazionali.

Le proposte:
Un’offerta si compone di circa 30 proposte soggette a stagionalità degli ingredienti, da ordinare singolarmente alla carta o in combinazione. Tra gli spiedini più particolari troviamo la rana pescatrice abbinata al fungo cardoncello, il cuore e il friggitello che incontra la salsa di miso, lo gnocco di riso orientale con pera, zola e barbabietola, per finire in simpatia col “tiramiskewer” (il tiramisù allo spiedo). Il mood? Tanti spiedi per tanti palati e stili di vita.
12 cocktails in carta proposti e rivisitati da Franco Tucci Ponti, con dei signature studiati solo per Filz .

Il locale:
 Un locale ispirato ai soda shop degli anni ’50: stile pop italiano, mood accogliente, chic e divertente. Elegante senza essere classico, vintage senza essere retrò, il bancone amaranto è realizzato con piastrelle artigianali fatte a mano e profilato in ottone con 23 sgabelli imbottiti. Ottone e amaranto sono i colori di Filz: tra i marmi del locale emerge una divertente parete cipria a pois amaranto firmata Le Corbusier. Divertenti oggetti da scoprire si specchiano nell’ottone del locale, solo un esempio: un distributore vintage di palline recuperato da un club per soli uomini.
 
Orari:

Lun 12:00-15:00 e 18:00-22:00
Mar-Gio 12:00-15:00 e 18:00-23:00
Ven 12:00-15:00 e 18:00-00:00
Sab 18:00-00:00
Dom Chiuso

Contatti:

FILZ- Largo della Crocetta 1
info@filzmilano.com
www.filzmilano.com

MANUEL CAFFÈ SPOSA I VALORI DELLO SPORT ORA AL FIANCO DEGLI ATLETI ALLA TREVISO MARATHON

Il caffè ufficiale della competizione sportiva Treviso Marathon, prevista per domenica 25 marzo, sarà firmato Manuel Caffè, che condivide i valori legati ad uno stile di vita sano e attento alla salute.

Energia, perseveranza e passione saranno i principi su cui si ispirerà la quindicesima edizione della Treviso Marathon, un percorso di cultura e condivisione, alla scoperta delle peculiarità paesaggistiche di Treviso, dove il valore dello sport e la tradizione gastronomica del territorio si incontreranno, domenica 25 marzo, in una tazzina di caffè Manuel.
In questo modo il caffè diviene un efficace veicolo di valori come tenacia e passione, qualità che Manuel Caffè condivide e promuove dal 1975: “Sosteniamo la cultura di uno stile di vita sano – spiega Cristina De Giusti – e ci sentiamo vicini agli atleti perché come loro perseguiamo i nostri obiettivi con impegno e costanza. Essere qui è un’occasione preziosa per avere un confronto diretto con i nostri estimatori.”
La linea Equo Organic che più rappresenta il sodalizio tra l’esperienza di un’azienda leader nel settore della torrefazione e  la disciplina sportiva, darà così la giusta carica ai partecipanti della competizione podistica, per affiancarli in una prova impegnativa e di resistenza.
Equo Organic è una miscela 80% arabica e 20% robusta, ottenuta da agricolture biologiche selezionate e senza l’utilizzo di sostanze chimiche di sintesi. Un caffè solidale, 100% Bio e Fairtrade, che attesta l’impegno dell’azienda in una produzione che limita lo sfruttamento del terreno e delle risorse idriche.
È Giuseppe De Giusti il fondatore dell’azienda di Conegliano, che negli anni ’50 inizia la sua attività prima come dipendente, poi aprendo un suo laboratorio artigianale. È nel 1975 che nasce il marchio Manuel Caffè, oggi condotto con successo dai figli Emanuela, Mauro e Cristina, che con la loro energia e il loro talento creativo hanno saputo trasformare l’azienda in una delle realtà più interessanti nel panorama del caffè di qualità.

lunedì 19 febbraio 2018

S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018

è iniziato il countdown per la Finalissima che si terrà a maggio Milano. Tra meno di 100 giorni scopriremo chi sarà il nuovo miglior Young Chef del mondo

Ventuno giovani chef di talento attendono la sfida finale, un importante trampolino di lancio per il loro futuro. Chi sarà il S.Pellegrino Young Chef 2018?

Milano, 7 febbraio 2018 - Il conto alla rovescia per la Finalissima del talent internazionale S.Pellegrino Young Chef è appena iniziato. Dall’11 al 13 Maggio, a Milano, ventuno giovani chef selezionati in tutto il mondo mostreranno le loro abilità culinarie e la loro creatività sfidandosi per ottenere il prestigioso titolo di S.Pellegrino Young Chef 2018. La Gran Finale si terrà durante la Milano Food Week, costituendone uno degli appuntamenti più prestigiosi.

Edoardo Fumagalli, vincitore della competizione italiana, si unirà agli altri giovani chef finalisti, che rappresentano venti differenti aree geografiche. Classe 1989, lunga gavetta in Italia e all’estero, Edoardo Fumagalli ha subito confermato, al timone de La Locanda del Notaio di Pellio Intelvi (Como), la stella Michelin. Da settembre sta lavorando con il Mentor Chef Anthony Genovese (Il Pagliaccio – Roma) per affinare il signature dish che ha conquistato la giuria italiana, “Gambero carabiniere, animelle glassate, croccante alle alghe con insalatina aromatica”.

Per conquistare l’ambito titolo, i signature dishes dovranno essere preparati e sottoposti dagli chef concorrenti a una prestigiosa giuria composta da sette chef di fama mondiale, i Sette Saggi: Annie Féolde (Enoteca Pinchiorri – Firenze, Italia), Virgilio Martinez (Central – Lima, Perù), Paul Pairet (Ultraviolet – Shanghai, Cina), Brett Graham (The Ledbury – Londra, Regno Unito), Ana Roš (Hiša Franko – Caporetto, Slovenia), Dominique Crenn (Atelier Crenn – San Francisco, California) e Margarita Forés (Cibo – Filippine). Dopo un’attenta valutazione basata sui criteri delle cinque “Regole d’oro” – ingredienti, tecnica, genio, bellezza e messaggio – un solo vincitore sarà eletto S.Pellegrino Young Chef 2018.

Segui www.finedininglovers.com per esclusivi contenuti e l’hashtag #SPYoungChef per non perdere tutte le novità sull’evento!

S.Pellegrino e Acqua Panna
S.Pellegrino, Acqua Panna e Sanpellegrino Sparkling Fruit Beverages sono marchi internazionali di Sanpellegrino S.p.A. che ha sede a Milano, in Italia. Distribuiti in oltre 150 paesi attraverso rami e distributori in tutti i cinque continenti, questi prodotti rappresentano l’eccellenza in virtù delle loro origini e interpretano perfettamente lo stile italiano nel mondo come una sintesi di piacere, salute e benessere. Fondata nel 1899, Sanpellegrino S.p.A. è un’azienda leader nel settore delle bevande in Italia con la sua gamma di acque minerali, aperitivi non alcolici, bevande e tè freddi. Come grande produttore di acque minerali in Italia, si è da sempre impegnata a valorizzare questo bene primario per il pianeta e lavora in modo responsabile e con passione per assicurare che questa risorsa abbia un futuro sicuro.



PINKIMONIO DI MORGAN: ECCELLENZA IN ROSA

La Giardiniera di Morgan presenta la nuova linea Le eccellenze di Morgan. Un regalo gourmet per la Festa della donna a sostegno della Fondazione Veronesi. Nello shop online dal 28 febbraio
Nella famiglia de La Giardiniera di Morgan è nato il PinKimonio, primo dei quattro prodotti della nuova linea Le eccellenze di Morgan che sarà lanciata in occasione della Festa della donna. Un regalo gourmet che guarda anche al sociale: per ogni vasetto di PinKimonio acquistato, parte dell’incasso sarà destinato al sostegno della Fondazione Veronesi per il progetto “Pink is Good”, dedicato alla prevenzione e allo studio del tumore al seno.
Una piccola anteprima si avrà il 28 febbraio con il PinKimonio Day: per tutta la giornata sarà possibile acquistare il PinKimonio nello shop online de La Giardiniera di Morgan, in modo da riceverlo prima dell’8 marzo (www.lagiardinieradimorgan.com/shop).
La nuova creazione della famiglia Pasqual deve il suo nome alla colorazione rosa dei rapanelli ciliegia, rossi e croccanti, che vengono immersi in agrodolce con aceto di vino bianco, zucchero e sale di Cervia. Assieme al PinKimonio sarà proposto anche il Pinzimonio all’aceto Balsamico di Modena Igp: il primo prodotto in aceto della famiglia agrodolce. Carote, cipolle borettane, peperoni, finocchi, sedano e rapa bianca daikon uniti all'aceto balsamico di Modena IGP Olio extravergine in purezza e sale di Cervia saranno gli ingredienti di un prodotto dedicato agli amanti dei sapori decisi.
Le eccellenze di Morgan – spiega Morgan Pasqual – rispettano pienamente la tradizione dei nostri prodotti: tanta creatività e l’utilizzo di materie prime d’eccellenza. Il PinKimonio ha un sapore più gentile e curioso, mentre il Pinzimonio è più netto e verticale, ma entrambi sono un perfetto abbinamento a diverse specialità gastronomiche e adatti a creare piatti insoliti. La nuova linea sarà composta da quattro prodotti, che saranno presenti sul mercato in base alla loro stagionalità. In settembre presenteremo il pomodoro Roma biologico della zona di Lucera, nobilitato dalla Vaniglia Bourbon, e la melanzana rossa di Rotonda Dop della Basilicata”.
PinKimonio e Pinzimonio, disponibili in vasetti da 250 gr, verranno presentati a Taste, il salone fiorentino dedicato alle eccellenze del gusto e saranno in vendita a partire dal 15 marzo nei negozi specializzati.
La Giardiniera di Morgan aggiunge quindi altri quattro prodotti alla sua ampia gamma di proposte: dalle cinque Giardiniere, una per ogni membro della famiglia Pasqual, agli stagionali sott’olio, dalle salse agli ovetti di quaglia, fino al baccalà in agrodolce. Tutti realizzati con materie prime a filiera certificata e con lavorazione artigianale.

Sciare in Friuli Venezia Giulia, le piste mozzafiato da non perdere




I poli sciistici della regione sono l’ideale per le famiglie, ma sanno anche regalare soddisfazioni a chi sugli sci cerca l’adrenalina della discesa
Tarvisio, Piancavallo, Sella Nevea, Forni di Sopra, Ravascletto-Zoncolan: ognuno di questi comprensori sciistici del Friuli Venezia Giulia ha la sua pista, quella che regala più emozioni, quella che si distingue dalle altre per caratteristiche tecnico-sportive, quella da ripercorrere più e più volte, il fiore all’occhiello imperdibile per tutti gli appassionati. I comprensori sono fra i più sicuri dell’arco alpino italiano, offrono skipass a prezzi particolarmente vantaggiosi, gratuità per i bambini fino a 10 anni e le piste sono inserite in contesti naturalistici che rendono ancora più piacevole le discese.
La Di Prampero a Tarvisio
La Di Prampero è una pista internazionale e, non a caso, è rinomata per essere stata protagonista nelle tre discipline veloci di diverse edizioni di Coppa del Mondo femminile. La lunghezza di circa 4 chilometri e una larghezza di 60 metri che scendono lungo il versante nordico del monte Lussari partendo da quota 1790 fino ai 500 metri di Camporosso, il notevole dislivello, i curvoni veloci che si alternano a falsipiani e i cambi di pendenza la rendono una pista impegnativa e dal divertimento assicurato. Nel corso della giornata di sci si può visitare in cima al monte il borgo Lussari e il Santuario mariano, meta di pellegrinaggi transfrontalieri e punto d’incontro delle culture di Italia, Austria e Slovenia.
La Pista Nazionale a Piancavallo
La pista fiore all’occhiello di Piancavallo, già nota a livello agonistico per aver ospitato varie edizioni di Coppa del Mondo e di Coppa Europa di sci alpino, è la Nazionale. È la più lunga del comprensorio sciistico con i suoi oltre 3500 metri di lunghezza e 500 di dislivello ed è sicuramente la pista che regala una delle emozioni più grandi e uniche dell’intero arco alpino: sciare con lo sguardo che raggiunge il Mare Adriatico. Nel punto più alto del tracciato il panorama abbraccia, infatti, tutta la pianura del Friuli Venezia Giulia e, nelle giornate terse, le coste della penisola istriana passando dalla laguna di Grado e Marano. A Piancavallo si sono svolte anche diverse gare internazionali di snowboard e freestyle e un’edizione delle Universiadi.
La Canin Agonistica a Sella Nevea
Sciare sulle piste di Sella Nevea significa praticare lo sci sui tracciati dei grandi atleti internazionali: il comprensorio è infatti sede del centro internazionale per l'allenamento nelle discipline veloci dello sci alpino (FIS Training Center) e punto di riferimento per i team agonistici di molti Paesi. Il Circo Bianco e tutti gli sciatori amatoriali trovano qui fino a primavera le condizioni ideali per lo sci, potendo contare sulla pista agonistica del Canin, la più tecnica e veloce della regione, con i suoi 2500 metri di lunghezza e un dislivello di 750. La sua variante è la Canin Turistica, ugualmente molto tecnica con 3000 metri di lunghezza e quasi 700 di dislivello.
La Pista Zoncolan 1 nel polo Ravascletto-Zoncolan
Il monte Zoncolan richiama alla mente imprese storiche del ciclismo, ma dalla sua cima si sviluppa anche un comprensorio sciistico che sa regalare ad amatori e agonisti delle grandi soddisfazioni. A fare da padrona è la pista nera Zoncolan 1 che della stazione di monte della seggiovia Valvan o del funifor di Ravascletto scende per 1450 metri con un dislivello di circa 400 e dopo una prima parte impegnativa, caratterizzata da un muro lungo e ripido, il tracciato si fa più facile consentendo così di lasciar correre gli sci. Per il suo alto livello tecnico ha ospitato molte competizioni internazionali, sia maschili che femminili e in alcune giornate è riservata agli allenamenti degli agonisti. Le varianti a disposizione degli sciatori durante i giorni in cui la pista è impegnata sono 2 e 2A dall’identico valore tecnico.
La Varmost a Forni di Sopra
Forni di Sopra detiene il record per la pista più lunga di tutti i comprensori sciistici del Friuli Venezia Giulia. La Varmost, infatti, parte da quota 2100 metri del monte Crusicalas, arriva ai 930 metri del fondovalle e con i suoi 7,5 chilometri di discesa di media difficoltà è un banco di prova stimolante anche per gli sciatori più esperti. La pista regala una vista unica, si trova infatti nel cuore delle Dolomiti friulane, montagne Patrimonio Unesco e considerate la parte più incontaminata dell’intero gruppo dolomitico.  
PromoTurismo Friuli Venezia Giulia - Ufficio stampa
Tel +39 0431 387111
ufficiostampa@promoturismo.fvg.it;
www.turismofvg.it

SPAZI INVISIBILI di Ljubodrag Andric 22 FEBBRAIO 2018 dalle 18.30 Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea Via Goito 7, Milano





Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea presenta dal 23 febbraio al 9 aprile 2018  SPAZI INVISIBILI la personale di Ljubodrag Andric, artista nato in Serbia e residente in Canada da oltre 15 anni, che segna il suo ritorno in Italia, dopo due anni d’assenza. 
 
Un corpus inedito di fotografie di grande formato dove ogni simmetria temporale è negata ed esposte come una sequenza di variazioni sul tema, guidano il visitatore attraverso spazi astratti, fatti unicamente di luce e colore che, come in un affresco, rimandano a sensazioni tattili che ne risaltano gli aspetti materici. Caratterizzate sempre dall’assenza della figura umana, le opere di Ljubodrag Andric sono un esercizio di stile che trova le sue radici nel Rinascimento italiano e nelle opere di Piero della Francesca e Beato Angelico, per approdare ad una sintesi di stampo astratto-geometrico in cui l’unico soggetto possibile è il tempo e il suo imprimersi nelle architetture e negli scorci da lui fotografati attraverso l’uso e il controllo della luce.